...GESU' TI ASPETTA !!!
VISITANDO IL NOSTRO SITO WEB L'UTENTE ACCETTA CHE STIAMO UTILIZZANDO I COOKIE PER GARANTIRE LA MIGLIORE ESPERIENZA.
BENVENUTO
VISITANDO IL NOSTRO SITO WEB L'UTENTE ACCETTA CHE STIAMO UTILIZZANDO I COOKIE PER GARANTIRE LA MIGLIORE ESPERIENZA.
BENVENUTO
VISITANDO IL NOSTRO SITO WEB L'UTENTE ACCETTA CHE STIAMO UTILIZZANDO I COOKIE PER GARANTIRE LA MIGLIORE ESPERIENZA.
BENVENUTO
VISITANDO IL NOSTRO SITO WEB L'UTENTE ACCETTA CHE STIAMO UTILIZZANDO I COOKIE PER GARANTIRE LA MIGLIORE ESPERIENZA.
BENVENUTO
VISITANDO IL NOSTRO SITO WEB L'UTENTE ACCETTA CHE STIAMO UTILIZZANDO I COOKIE PER GARANTIRE LA MIGLIORE ESPERIENZA.

UNZIONE DEGLI INFERMI

Con la sacra Unzione degli infermi e la preghiera dei presbiteri, tutta la Chiesa raccomanda gli ammalati al Signore sofferente e glorificato, perché alleggerisca le loro pene e li salvi, anzi li esorta a unirsi spontaneamente alla passione e alla morte di Cristo, per contribuire così al bene del popolo di Dio.
La malattia e la sofferenza sono sempre state tra i problemi più gravi che mettono alla prova la vita umana. Nella malattia l'uomo fa l'esperienza della propria impotenza, dei propri limiti e della propria finitezza. Ogni malattia può farci intravvedere la morte.
La malattia può condurre all'angoscia, al ripiegamento su di sé, talvolta persino alla disperazione e alla ribellione contro Dio. Ma essa può anche rendere la persona più matura, aiutarla a discernere nella propria vita ciò che non è essenziale per volgersi verso ciò che lo è. Molto spesso la malattia provoca una ricerca di Dio, un ritorno a lui.